Bruxelles chiude un febbraio incredibile

Il sesto posto di Davide Mauri (in coppia con Massimo Cester dello Skorpion Pordenone) nel Katame No Kata e l’ottavo posto di Gino Gianmarco Stefanel (in coppia con Alessandro Cugini del Dlf Yama Arashi Udine) nel Memorial Clause – European Cup di Kata, svoltasi a Lauvain-La-Neuve, vicino a Bruxelles in Belgio sono un risultato importante, anche se non pienamente soddisfacente. La trasferta è stata in forse fino all’ultimo momento e i judoka friulani hanno deciso di partire solo nell’ultima giornata: questo certo non li ha favoriti. Il risultato di Bruxelles perciò va un po’ stretto al Judo Kuroki, ma comunque colloca gli atleti tarcentini dentro l’elite del judo continentale.

Febbraio è stato scosso dal Coronavirus e così l’attività programmata è stata sconvolta, con ricadute anche pesanti, come quella sui cadetti che non hanno potuto combattere in gare che avrebbero potuto migliorare la loro posizione nella Ranking List nazionale. Lo stop al Trofeo Colombo a Genova e all’European Cup di Zagreb (Croazia) lascia ancora al palo Iacopo Bardus, infortunatosi a settembre e a novembre e rientrato in gara solo a fine gennaio ed ora di nuovo fermo per questo stop non voluto. Ma ha fermato anche Francesco Nocent nella sua risalita tra i cadetti che è stata troncata da questi stop. Sia Nocent che Bardus sono del 2004, la classe di età più sfavorita in questo momento. Hanno potuto combattere invece i cadetti del 2005 e si sono cimentati in Slovenia a Ravne no Koroskem del Pokal Gustanj ottenendo ottimi risultati: primo posto per Ilaria Cosenza, che aveva iniziato in modo “orribile” l’anno da cadetta dopo i due quinti posti agli italiani 2018 e 2019 e le tre medaglie nelle gare di Trofeo Italia del 2019, con una bella serie di vittorie su atlete di buon livello; secondo posto per Anna Coradazzi, autrice di una gara molto aggressiva; quarto posto per Daniel Clocchiatti, ancora acerbo tra i cadetti ma in grande crescita. Alla gara a Ravne no Koroskem c’era anche il coraggioso Mattia Gino Codutti, alla fine settimo in una gara in cui ha combattuto con atleti più vecchi di lui. In Slovenia gli atleti erano seguiti da Tiziano Tieppo.

Ottima esperienza a Riccione nel Gran Prix Esordienti per Andrea Pitis, Federico Craighero, Thomas Colaoni e Giacomo Bertossi: tutti gli atleti  in gara hanno vinto un incontro nella propria categoria mostrando di aver ben retto l’impatto con le gare nazionali. Seguiti in gara da Loris Clocchiatti hanno mostrato ottime qualità e potenzialità, che varranno buoni risultati in futuro.

Benissimo, infine, i giovanissimi seguiti da Tiziano Tieppo e Sebastiano Billardello nel Trofeo Opitergium a Oderzo (Treviso) dove il Judo Kuroki ha ottenuto otto primi posti (Alessandro Comelli, Asia Bruni, Mattia Bruni, Antonio Pierro, Aurora Pierro, Giuseppe Triestino, Elisa Comelli, Chiara Coradazzi) e due secondi posti (Michel La Grasta e Marco Barassi) segno di una squadra di giovanissimi molto competitiva e attenta.

Ora si apre un futuro molto incerto visto che i calendari saranno rivoluzionati dall’emergenza Coronavirus.

2020-03-02T18:50:06+02:00

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.